ALBO PRETORIO

albopretorio_300.jpg

Albo Pretorio e
Servizi Online


Amministrazione trasparente

trasparenza_1.jpg
 


I.U.C.

calcolo

informazioni


Sottoscrizioni Referendum

 firma_referendum.jpg

Visualizza le sottoscrizioni attive


Gestione territorio

Strumenti urbanistici disponibili on-line

Piano comunale di emergenza


 


Raccolta differenziata

 

 



Calendario 2017


Palo spento

Segnalalo così


Segnalazioni

Manutenzione 
strade,
marciapiedi,
spazi pubblici


Commissione sorveglianza discarica

Immagine1_1.jpg

INFORMAZIONI
E ATTIVITA' 


Regolamento di disciplina degli uffici e dei servizi

REGOLAMENTO DI   DISCIPLINA DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

Approvato con delibera G.C. 177/2007


INDICE
TITOLO 1- Ripartizioni organizzative

CAPO I - ORGANI GESTIONALI -
Articolo 1- La  struttura organizzativa-
Articolo  2 - Definizione   del servizio-
Articolo  3 - Definizione  del  settore- 
Articolo 4 - Sostituzioni  dei Responsabili  di settore-
Articolo 5  - Il Segretario Comunale –
Articolo 6 -Il  Segretario comunale/direttore generale-
Articolo 7 - Nucleo di valutazione-
Articolo 8 - Conferenza dei Responsabili-
Articolo 9 - Uffici alla dirette dipendenze del Sindaco –
Articolo 10 -  Collaborazioni esterne-
Articolo 11 -Incarichi esterni del personale dipendente-

cAPO II- Organi di governo
Articolo 12 - Il Sindaco
Articolo 13 -La Giunta-

TITOLO II  ATTIVITA’ GESTIONALE  E PERSONALE

CAPO III-  ATTI E PROVVEDIMENTI
Articolo 14 -Piano esecutivo di gestione e piano degli obiettivi-
Articolo 15 -Provvedimenti amministrativi e   atti di gestione di diritto privato-

CAPO IV – PERSONALE-
Articolo 16 -Dotazione organica-
Articolo 17 -Profili professionali-
Articolo 18 - Piano di formazione annuale del personale-
Disposizioni finali

TITOLO 1
Ripartizioni organizzative

CAPO I
ORGANI GESTIONALI

Articolo 1
- La  struttura organizzativa -
1. La struttura organizzativa  del comune di Inzago   è   articolata  in settori  e servizi .
2.  La struttura vigente al momento dell’adozione del presente regolamento è riportata nell’allegato A ).La struttura organizzativa dell’ente può in ogni momento essere modificata con deliberazione della giunta comunale in relazione ai programmi da realizzare.

Articolo  2
- Definizione   del servizio -
1. Per  servizio   si intende un complesso di processi, procedimenti, azioni individuati in capo a nuclei organizzativi  costituiti da  una o  più persone, la cui responsabilità può essere assegnata a un dipendente inquadrato in qualifica non inferiore alla B3. Ove non sia affidata la responsabilità  del servizio  le procedure restano assegnate al responsabile del settore  di cui le stesse fanno parte.
2. Il dipendente nominato responsabile  del servizio  assume la qualifica  di responsabile del procedimento di cui alla L. 241/1990  per tutte le procedure, azioni, processi  assegnati al servizio .
3. Il responsabile del servizio :
a- valuta, ai fini istruttori, le condizioni di ammissibilità, i requisiti di legittimazione ed i presupposti che siano rilevanti per l'emanazione di provvedimento;
b- accerta d’ ufficio i fatti, disponendo il compimento degli atti all'uopo necessari, e adotta ogni misura per l'adeguato e sollecito svolgimento dell'istruttoria o dell’attività assegnatagli. In particolare, può chiedere il rilascio di dichiarazioni e la rettifica di dichiarazioni o istanze erronee o incomplete e può esperire accertamenti tecnici ed ispezioni ed ordinare esibizioni documentali;
c-  cura le comunicazioni e  le pubblicazioni   previste dalle leggi e dai regolamenti;
d- liquida le spese relative ai procedimenti allo stesso assegnati sulla base di impegni assunti con provvedimento del responsabile del settore,  eccetto le liquidazioni conseguenti all’approvazione di stati di avanzamento, di certificati di collaudo e simili;
e- sottoscrive le certificazioni di dati direttamente ricavabili da atti e registri per legge detenuti dal  comune;
f- riceve la documentazione relativa ai procedimenti assegnatigli provvedendo a verificarne e certificarne l’autenticità;
g- certifica l’autenticità delle sottoscrizioni dei documenti  secondo quanto previsto dal d.p.r. 28 dicembre 2000, nr. 445;
h- predispone gli schemi  di determinazioni e degli altri provvedimenti da sottoporre alla sottoscrizione del responsabile del settore;
i- predispone le  proposte di deliberazioni da sottoporre  al parere del responsabile di settore  ;
j- partecipa, in qualità di segretario o assistente, alle commissioni di gara relative all'aggiudicazione di contratti di competenza del servizio;

Articolo  3
- Definizione  del  settore   -
1. I settori   costituiscono un’aggregazione di servizi. La posizione di responsabile di settore   comporta l’inserimento nell’area delle posizioni organizzative.
2. Il numero di settori  , nonché la loro articolazione interna, è definita   dalla Giunta   in ragione dei programmi previsti negli strumenti di pianificazione economico-finanziaria. Tra i settori sono  suddivisi i programmi dell’ente.
3. Ai  responsabili di settore   (sempre inquadrati in categorie non inferiori alla D o superiore e  nominati dal Sindaco ) competono  tutti gli atti di gestione del settore assegnato. In particolare , ed a titolo non esaustivo, ai responsabili di settore compete:
a- la formulazione dei pareri di regolarità sulle proposte di deliberazione;
b- la responsabilità delle  procedure di affidamento ed esecuzione dei contratti  del proprio settore ai sensi dell’art.10  del decreto legislativo n.163/2006;
c- la  stipulazione dei contratti  relativi ai servizi ed alle funzioni ed alle procedure assegnate al settore;
d- la presidenza delle commissioni di gara  relative ai contratti di pertinenza dei servizi interessati (la presidenza di  dette commissioni, rientrante tra i compiti d’ufficio , non è autonomamente remunerata) ;
e- la presidenza delle  commissioni di concorso per la selezione del personale da assegnare al proprio settore  (la partecipazione a dette commissioni, rientrante tra i compiti d’ufficio , non è autonomamente remunerata ) La commissione è costituita con provvedimento del responsabile  cha ha indetto la selezione previa comunicazione  alla Giunta Comunale;
f- la trasmissione al responsabile dei procedimenti disciplinari del rapporto sulle infrazioni per le quali si prevede l’applicazione di una  sanzione  disciplinare superiore al rimprovero;
g- l’assegnazione del personale   ai singoli servizi;
h- la nomina dei responsabili del procedimento ;
i- la valutazione  del  personale del settore;
j-  la direzione dell’attività dei responsabili dei servizi assegnati al settore con potere generale di avocazione dei procedimenti a questi ultimi assegnati;
k-  il coordinamento dell’attività dei dipendenti ( a tempo determinato ed indeterminato) e dei collaboratori e consulenti del settore;
l- ’adozione di  tutti gli atti di gestione del personale eccetto  quelli assegnati alla Direzione generale( ove nominata) ;
m- la responsabilità della  vigilanza sul divieto di fumo nei locali utilizzati dal personale assegnato al settore
n- la responsabilità  del trattamento dei dati personali -ai sensi e per gli effetti di cui alla L.675/1996- gestiti dai servizi rientranti nel settore e la nomina degli incaricati del trattamento dati;
4. Inoltre i responsabili di settore :
a- assumono l’ufficio di responsabili per la sicurezza per il personale ad essi assegnato; 
b- possono essere  componenti della delegazione trattante di parte pubblica nelle materie non riguardanti l’area delle posizioni organizzative. Per tali materie la rappresentanza di parte pubblica è affidata  al direttore generale ( se nominato) o  al segretario comunale;
c- irrogano le sanzioni non collegate all’esercizio delle funzioni previste in materia di pubblica sicurezza o assegnate al Sindaco nella sua veste di autorità sanitaria locale;
d- stipulano i contratti di lavoro del personale assunto dall’esterno ovvero mediante progressione verticale;
e- stipulano le convenzioni urbanistiche;
f- sottoscrivono gli atti relativi alle procedure espropriative;
g- emanano le ordinanze nei casi previsti dalle leggi, dallo statuto e dal regolamento comunale, eccetto le ordinanze contingibili ed urgenti la cui emanazione compete al Sindaco;
h- stipulano gli atti di acquisizione di beni immobili
i- propongono  al direttore generale ( ove non nominato al segretario comunale) l'orario di servizio e determinano l'orario di lavoro del personale, tenendo conto degli orari di apertura degli uffici al pubblico approvati dal Sindaco;
j- emanano gli atti di accertamento delle violazioni di leggi, regolamenti o provvedimenti comunali nelle materie di rispettiva competenza;
k- fanno parte della conferenza dei responsabili;
l- emanano tutti gli atti necessari ad assicurare l’adempimento delle obbligazioni a favore del Comune relativamente alle materie di rispettiva competenza;
m- adottano ogni altro atto   e provvedimento amministrativo che impegna l'amministrazione verso l'esterno, non compreso espressamente dalla legge o dallo statuto tra le funzioni di indirizzo e controllo politico-amministrativo degli organi di governo dell'ente o non rientranti tra le funzioni del segretario o del direttore generale;
n- adottano ogni atto gestionale per le materie   assegnate al settore;
5. I responsabili di settore  sono direttamente responsabili:  della traduzione in termini operativi degli obiettivi individuati dagli Organi di governo dell'Ente , alla cui formulazione partecipano con attività istruttoria e di analisi e con autonome proposte; della correttezza amministrativa e della efficienza della gestione.

Articolo 4
- Sostituzioni  dei Responsabili  di settore -
1. In caso di assenza  del responsabile di settore o di  vacanza del posto     il Sindaco ove necessario, su proposta del Direttore Generale se nominato , può attribuire transitoriamente le funzioni ad altro Responsabile di settore o al Direttore Generale o al Segretario Comunale.
2. La sostituzione non potrà eccedere i 60 giorni consecutivi. Oltre tale periodo la sostituzione o la temporanea copertura del posto vacante può essere assicurata mediante contratti a tempo determinato ovvero mediante la nomina di altro dipendente in possesso dei richiesti requisiti. Ad esso spetteranno, in proporzione alla durata dell’incarico, le retribuzioni di posizione e di risultato nella misura assegnata alla posizione organizzativa temporaneamente assunta.
3. Le sostituzioni  del responsabile del settore della Polizia Locale, in quanto concernenti anche compiti di esclusiva competenza del personale con qualifiche di ufficiale di P.L., saranno assicurate dal Vice-comandante  a cui   spetteranno, in proporzione alla durata dell’incarico, le retribuzioni di posizione e di risultato nella misura assegnata alla posizione organizzativa temporaneamente assunta. La sostituzione del responsabile del settore polizia locale viene disposta dal Sindaco con proprio decreto.

Articolo 5
 - Il Segretario Comunale -
1. Al Segretario Comunale  compete  :
a- la direzione , la sovrintendenza ed il coordinamento dell’attività dei Responsabili di settore, compiti che vengono assolti sia con direttive impartite ai Responsabili di settore che mediante la presidenza della conferenza dei responsabili;
b- le funzioni di assistenza e collaborazione con gli organi istituzionali assegnati dalla legge e dallo Statuto al segretario comunale;
2. Inoltre il segretario comunale:
a- esegue, su incarico del Sindaco,  ispezioni, direttamente ovvero mediante personale appositamente incaricato, per verificare il corretto andamento dell’attività dei settori;
b- può impartire direttive ai responsabili di settore relativamente all’interpretazione di   norme;
c- coordina  e presiede i lavori della conferenza dei responsabili;
d- esercita  le funzioni del  datore di lavoro nei confronti del personale assegnatogli ( ove titolare di finzioni di gestione) ai fini dell’applicazione delle norme sulla sicurezza
e- può essere incaricato della presidenza della delegazione trattante;
f- può essere incaricato, con provvedimento del Sindaco o nell’ambito degli strumenti di pianificazione operativa, della responsabilità di specifici procedimenti ove ciò risulti  necessario in ragione di particolari ed eccezionali  motivazioni collegate a specifici obiettivi della programmazione dell’Ente;
g- può essere nominato membro del nucleo di valutazione;
h- previo specifico accordo e per necessità temporanee può essere incaricato della responsabilità operativa di settori  ;
i- segnala al Sindaco l’incoerenza degli atti di gestione dei responsabili di settore con gli obiettivi del piano di gestione.
j- autorizza l’assunzione di incarichi esterni da parte del personale titolare di posizione organizzativa;
k- emana direttive finalizzate ad assicurare un’uniforme e corretta applicazione degli istituti del rapporto di lavoro avuto riguardo alla contrattazione collettiva nazionale e decentrata.
3. Per lo svolgimento delle funzioni assegnategli, il Segretario comunale, si avvale dei responsabili di Settore e del personale assegnato ai settori.

Articolo 6
 -Il  Segretario Comunale/Direttore Generale-
1. Il Sindaco può nominare  il  direttore generale previa stipula di  una convenzione tra comuni le cui popolazioni assommate raggiungano i 15.000 abitanti. In tal caso il direttore generale dovrà provvedere anche alla gestione coordinata o unitaria dei servizi tra i comuni interessati.
2. Quando non sono  stipulate le convenzioni previste dal comma precedente    le relative funzioni possono essere conferite dal sindaco   al segretario comunale.
3. Al direttore generale ed al   segretario comunale, incaricato delle funzioni di direzione generale, compete  :
a- rappresentare il Comune nell’esercizio delle funzioni assegnategli;
b- assicurare  la gestione del personale assegnato alla Direzione, del personale incaricato della responsabilità di settore.  
c- Proporre  alla Giunta comunale l’approvazione del piano di gestione e definisce, su
proposta dei Responsabili di settore, le ripartizioni organizzative interne ai
settori;
d- Predisporre  il piano dettagliato degli obiettivi;
e- valutare la coerenza degli atti di gestione dei responsabili di settore con gli obiettivi del  piano di gestione
f- rilasciare  di  nulla – osta per le mobilità esterne di tutto il personale comunale sentiti
i  responsabili dei settori ;
g- la titolarità del potere ispettivo per la verifica della regolarità dell’azione
amministrativa;
h- autorizzare le aspettative del personale dipendente sentiti i responsabili di settori/aree;
i-  la presidenza della  delegazione di parte pubblica nella contrattazione collettiva
decentrata integrativa ;
j- La presidenza delle commissioni di concorso per la selezione del personale esterno ovvero per le progressioni verticali. Tale attività può essere delegata ai responsabili di settore;
k- può essere incaricato della responsabilità di specifici procedimenti ove la Giunta
ritenga ciò necessario in ragione di particolari motivazioni collegate a specifici
obiettivi della programmazione dell’Ente;
l. dirige l’attività del nucleo ispettivo sull’osservanza del divieto di prestazioni
m. lavorative, professionali o dipendenti, del personale comunale.
n. autorizza  incarichi esterni   di lavoro autonomo o subordinato ;
o. è titolare dell’attività di valutazione del personale inquadrato nell’area delle posizioni organizzative (in tale veste presiede il nucleo di valutazione);
p. previo specifico accordo può essere incaricato della responsabilità operativa di  settori o aree;
q. impartisce direttive ai responsabili di settore  e servizio;
r. In casi urgenti può avocare la trattazione di specifiche procedure nel caso di  inadempienza dei responsabili previa contestazione agli interessati
s. assume la  presidenza  della conferenza dei responsabili di settore;
t. esercita le funzioni del  datore di lavoro nei confronti del personale assegnato  all’ufficio ai fini dell’applicazione delle norme sulla sicurezza;
u. autorizza la stipulazione dei contratti individuali di lavoro;
v. provvede al controllo di gestione avvalendosi dei responsabili di settore e, ove occorra, di esperti esterni;
w.  verifica l’andamento dei piani operativi attuativi degli indirizzi del Sindaco, della Giunta e del Consiglio.
3. Il sindaco  , ove si avvalga della facoltà prevista dal comma 1 ,  contestualmente al provvedimento di nomina del direttore generale disciplina , secondo l'ordinamento  dell’ente  , i rapporti tra il segretario ed il direttore generale.

Articolo 7
- Nucleo di valutazione-
1. Il nucleo di valutazione  è nominato dalla giunta comunale.
2. Il nucleo :
a- propone al sindaco la metodologia di valutazione dei responsabili di settore;
b- propone al Sindaco le misure delle indennità di posizione da assegnare    al
personale inquadrato nell’area delle posizioni organizzative;
c- può essere incaricato della  valutazione in ordine all’efficienza e all’efficacia
dell’azione  dell’ente.

Articolo 8
- Conferenza dei Responsabili-
1. La Conferenza dei Responsabili    è costituita dai responsabili di settore,   dal Segretario Comunale  in qualità di Presidente ( ove non sia nominato il direttore generale) e dal Sindaco.
2. Questo organismo, formato da tutti i soggetti che presidiano posizioni di responsabilità gestionale nella struttura organizzativa, è la sede di confronto e proposta su specifici aspetti operativi e gestionali.
3. La conferenza si riunisce  in occasione della elaborazione del PEG, del piano degli obiettivi,  del rendiconto della gestione, per la discussione dei regolamenti comunali oppure per iniziativa del Direttore generale (se nominato), del segretario comunale o su richiesta di un responsabile di settore   e ogniqualvolta sia necessario.
 
Articolo 9
- Uffici alla dirette dipendenze del Sindaco –
1. Per attività di diretta collaborazione nell’esercizio delle funzioni di indirizzo e di controllo da parte del Sindaco, della Giunta o degli Assessori puo’ essere utilizzato personale a contratto  nell’ambito degli stanziamenti di bilancio.
2. L’individuazione dei collaboratori è effettuata con decreto del Sindaco, previa richiesta della quantificazione dei costi al responsabile del servizio competente alla gestione del personale. Il decreto definisce ed individua le competenze, le funzioni e/o le attività a cui sarà destinato il collaboratore o la collaboratrice. Il contratto di lavoro è stipulato dal responsabile dell’amministrazione  del personale. Al collaboratore spetta il trattamento previsto dai contratti collettivi per il primo livello della categoria di inquadramento.L’incarico non può eccedere la durata del mandato del Sindaco.
3. Il reclutamento di tale personale avviene secondo le modalità previste per le assunzioni  a tempo determinato.


Articolo 10
-  Collaborazioni esterne-
1. Gli incarichi di collaborazione coordinata e continuativa e gli incarichi di collaborazione occasionale  potranno essere conferiti    purché  :
a. la spesa sia contenuta entro il limite complessivo  delle risorse assegnata al settore che intende avvalersi della collaborazione;
b.  si tratti di  esperti di comprovata esperienza nel campo dell’incarico ( l’esperienza deve essere adeguatamente documentata);
c.  l’oggetto dell’incarico deve rientrare  nelle competenze dell’ente ( il contenuto  dell’incarico deve essere specifico, circoscritto);
d.  presso l’ente siano   assenti strutture organizzative o professionalità in grado di assicurare, dal punto di vista qualitativo o quantitativo,  i medesimi servizi richiesti al professionista esterno. Tale requisito va accertato realmente e ne va dato atto nel provvedimento di incarico;
e.  il ricorso ad incarichi  deve trovare fondamento in un’esigenza temporanea, di carattere eccezionale e peculiare; nell’incarico va indicata la durata dello stesso;
f.  l’incarico deve essere conferito mediante atto scritto che riporti l’oggetto dell’incarico, la durata, le modalità di esecuzione, il compenso;
g.  il  compenso  pattuito deve essere  proporzionale rispetto all’utilità conseguita dall’amministrazione.
2. Il conferimento di incarichi di consulenza e/o collaborazione occasionale e/o continuativa   il cui importo non sia superiore ad €.20.000,00 avviene   sulla base di idoneo curriculum, da valutare con riferimento ai seguenti criteri:
a- titoli posseduti;
b- esperienze di lavoro inerenti le attività afferenti ai progetti o ai programmi da realizzare.
Detti criteri   sono evidenziati  in apposto avviso da pubblicare all’albo pretorio , con eventuale predeterminazione di punteggi. 
3. Il responsabile  competente può conferire ad esperti esterni incarichi professionali in via diretta, senza l’espletamento di procedure di selezione   in casi di particolare urgenza, ossia  quando le condizioni per la realizzazione delle attività mediante l’esecuzione di prestazioni professionali qualificate da parte di soggetti esterni non rendano possibile l’esperimento di procedure comparative di selezione.
4. Per il conferimento di incarichi di consulenza e/o collaborazione occasionale e/o continuativa   di importo superiore ad €.20.000,00  si applicano le procedure previste nel  vigente regolamento comunale per gli acquisti in economia nella parte relativa all’affidamento dei servizi nei limiti di spesa in esso definiti.
5. Gli atti di conferimento di incarico di collaborazione sono assunti dai responsabili di settore nell’ambito delle risorse assegnate  dalla giunta per tale finalità;   gli atti di affidamento di incarichi e di consulenze    di importo superiore ad €. 5.000,00 vanno trasmessi alla Corte dei conti  ( sezioni regionali di controllo) per l’esercizio del controllo successivo sulla gestione ed al servizio amministrazione personale ai fini dell’anagrafe delle prestazioni di cui   all’art. 53, comma 4, del decreto legislativo n.165/ : a tal fine  le determinazioni dirigenziali di conferimento degli incarichi  di consulenza/ collaborazione    dovranno recare la seguente dicitura : “ di inviare copia del  presente atto  alla Corte dei conti  ( sezione  regionale  di controllo) per l’esercizio del controllo successivo sulla gestione ( ove l’ importo sia superiore  ad €. 5.000,00) e di “trasmettere copia del presente atto al servizio amministrazione personale ai fini dell’anagrafe delle prestazioni di cui all’art. 53-comma 4- del TU n.165/2001”.
6. Se il proposto collaboratore sia dipendente da altra pubblica amministrazione occorre acquisire preventivamente specifico nulla-osta al conferimento dell’incarico.
7. Gli atti di incarico devono riportare:
a- l’oggetto della collaborazione, la decorrenza e la durata;
b- la retribuzione convenuta;
c- i requisiti di particolare qualificazione posseduti dal collaboratore;
d- le eventuali pattuizioni concernenti le modalità di esecuzione delle prestazioni;
e- i termini di pagamento;
f- le eventuali condizioni per l’esercizio del recesso e gli inadempimenti che costituiscono causa di risoluzione espressa.
8. Il Servizio amministrazione del personale, ricevuta la determina di impegno ed il contratto  procede all’apertura delle posizioni previdenziali e, ove occorra, assicurative del collaboratore, nonché effettua le comunicazioni agli uffici per l’impiego .
9. Semestralmente la giunta approva con propria deliberazione  l’elenco dei consulenti incaricati  con l’indicazione  della durata dell’incarico, dell’oggetto e del compenso erogato. L’elenco è pubblicato all’albo pretorio e sul sito web   (  D.L. 223 del 2006 che  all’art. 34 introduce un periodo all’art. 53 del decreto 165 del 2001).
 
Articolo11
-Incarichi esterni del personale dipendente-
1. E’ vietato ai dipendenti pubblici assumere gli  incarichi  previsti dall’articolo   60 e seguenti del testo unico approvato con decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3 . Ai sensi di tale norma gli impiegati comunali non possono svolgere- né possono  essere autorizzati a svolgere -  attività di commercio, attività di industria, attività di lavoro subordinato o autonomo ; inoltre non è possibile  accettare cariche in società costituite a fine di lucro.
2. Fatta salvo il divieto di cui al comma sopra e la speciale disciplina prevista per i dipendenti con rapporto di lavoro part-time al 50%,  il segretario comunale autorizza    il personale  comunale     ad assumere incarichi  di collaborazione      a favore di enti pubblici o privati a condizione che:
a- sia esclusa ogni possibilità di conflitto di interesse con il comune (ad esempio progettazione di lavori sul territorio comunale a favore di altri soggetti; consulenze in procedimenti in cui è parte il comune, come ad esempio le consulenze in materia di imposte comunali, ecc.);
b- sia esclusa ogni interferenza con l’orario di servizio; con la disponibilità al lavoro straordinario o con le reperibilità ove previste; con i doveri ed i compiti di ufficio;
c- risulti dimostrato il carattere dell’occasionalità. In particolare, il carattere dell’occasionalità è dimostrato ove le prestazioni non eccedano la durata di 30 giorni l’anno ovvero, indipendentemente dal numero di giorni, il reddito complessivo non superi i 5.000,00 euro annui;
d- le prestazioni esterne  non siano rese sul territorio comunale  salvo il caso in cui gli incarichi siano conferiti da altre pubbliche amministrazioni o concernano attività puramente esecutive.

CAPO II
ORGANI DI GOVERNO

Articolo 12
- Il Sindaco –
1. Il Sindaco
a- ha la rappresentanza generale del Comune che esercita in tutti i casi in cui essa non è connessa all’esercizio delle funzioni assegnate ai Dirigenti,ai  Funzionari e al Direttore generale;
b- convoca    la Giunta;
c- coordina  l’attività degli assessori;
d- conferisce, ove previsto nella programmazione, l’incarico di direttore generale;
e- nomina i responsabili dei settori e il responsabile dell’area della Polizia Locale;
f- impartisce direttive al direttore generale(ove nominato), al segretario comunale e ai responsabili di settore;
g- Valuta il raggiungimento degli obiettivi assegnati alla direzione generale, ove istituita;
h- rilascia le licenze di pubblica sicurezza per le quali è rilevante l’esercizio delle funzioni di autorità locale di pubblica sicurezza;
i- emana i provvedimenti allo stesso assegnati nella sua qualità di autorità sanitaria locale;
j- emana i provvedimenti contingibili ed urgenti nell’ambito della direzione dei servizi di protezione civile e di tutela dell’incolumità e della salute pubblica;
k- irroga le sanzioni amministrative non assegnate dalla legge ai funzionari;
l- emana i decreti di decadenza degli alloggi di edilizia residenziale pubblica;
m- sovrintende ai servizi svolti dal comune per conto dello Stato (anagrafe, stato civile, leva, elettorale, statistica);
n- esercita tutte le altre funzioni espressamente assegnategli dalla Legge, dallo Statuto e dai regolamenti comunali;
o- rappresenta il comune nei consorzi di cui esso fa parte;
p- partecipa all'assemblea dei soci in rappresentanza dell'Ente nelle società comunali;
q- nomina i Rappresentanti del comune in Enti, Istituzioni ed Aziende;
r- può richiedere il riesame di atti e provvedimenti ai  funzionari responsabili ai fini dell’esercizio del potere di autotutela.
s- dispone l’invio al Presidente del Consiglio comunale delle proposte di deliberazione da sottoporre al Consiglio comunale;
t- conferisce gli incarichi di direzione o alta specializzazione al di fuori della dotazione organica;
u- conferisce gli incarichi di diretta collaborazione con gli organi politici con le formalità e nei limiti previsti dai regolamenti del comune;
v- nell’ambito della valutazione di coerenza con i programmi dell’Amministrazione, il Sindaco, sentito il Direttore generale, può invitare il responsabile a riformare , ritirare o revocare l’atto emanato;
w- esercita le altre funzioni assegnategli dalla legge e dallo Statuto
2.I predetti compiti  sono esercitati  dal Sindaco e, in sua assenza, dal vice-sindaco.

Articolo 13
-La Giunta-
1. La Giunta
a- definisce la struttura organizzativa dell’ente ;
b- definisce la dotazione organica per l’esecuzione dei programmi determinando il contingente di posti con accesso dall’esterno, nonché il numero di posti part-time da trasformare o da istituire;
c- approva il Piano  esecutivo di Gestione ed il piano dettagliato degli obiettivi ;
d- autorizza l’erogazione di benefici economici per i quali non sono dettati specifici criteri di assegnazione;
e- approva i regolamenti per l’organizzazione degli uffici e dei servizi e per la disciplina dei concorsi e delle selezioni;
f- adotta la proposta di bilancio e la proposta di rendiconto;
g- delibera le imposte, tasse e tariffe salvo diverse disposizioni della legge;
h- adotta gli atti  di pianificazione delle opere pubbliche.
i- approva i programmi relativi ad eventi di rilevanza culturale, sportiva e sociale;
j-  approva i progetti preliminari, definitivi ed esecutivi  di opere pubbliche;
k-  individua le risorse disponibili per il conferimento da parte del Sindaco di incarichi di diretta collaborazione quando consentito dai regolamenti dell’Ente;
l- esercita le altre funzioni assegnategli dalla legge e dallo Statuto.


TITOLO II  ATTIVITA’ GESTIONALE  E PERSONALE

CAPO III-  ATTI E PROVVEDIMENTI

Articolo 14
-Piano esecutivo di gestione e piano degli obiettivi-
1. Annualmente la giunta approva il piano esecutivo di gestione ed il piano dettagliato degli obiettivi. Il piano esecutivo di gestione definisce i compiti, le responsabilità e l’ambito di autonomia relativi ai ruoli previsti nell’organizzazione comunale, nonché di ripartire le risorse messe a disposizione sia per la gestione dell’attività consolidata che per il perseguimento degli obiettivi di miglioramento individuati anch’essi nel P.E.G.  .
2. I responsabili ai vari livelli devono  adoperarsi affinché i contenuti del Piano di gestione siano diffusi all’interno delle rispettive unità organizzative.

Articolo 15
-Provvedimenti amministrativi e   atti di gestione di diritto privato-
1. I  provvedimenti diversi dagli atti deliberativi sono emanati secondo le seguenti   prescrizioni:
a- Determinazioni: gli schemi di determinazione ( eventualmente predisposti dai responsabili del procedimento)  devono  essere sottoposti alla firma del competente responsabile di settore .  ll visto di regolarità contabile e copertura finanziaria è apposto  dal responsabile del settore contabile  ovvero da altro dipendente  investito della responsabilità del procedimento secondo le  disposizioni del vigente regolamento di contabilità. Le  determinazioni adottate  dai responsabili di settore   sono  pubblicate    all’albo pretorio  settimanalmente per 15 giorni consecutivi  ;  la pubblicazione è disposta  esclusivamente per fini di trasparenza e pubblicità ma non condiziona  l’efficacia delle determinazioni.
b- Liquidazioni: Gli atti di liquidazione –a partire dal 1 gennaio 2008-devono essere inseriti   nella procedura di gestione delle delibere.
c- Disposizioni: gli atti di gestione del personale non dovranno mai  assumere la forma di determinazioni o di un qualsivoglia atto ricadente nella sfera del  diritto amministrativo. Essi costituiscono atti di gestione rientranti nell’esercizio delle prerogative assegnate al datore di lavoro (nelle P.A. ai dirigenti).  Le disposizioni non necessitano di motivazione. Gli atti di gestione del personale sono adottati a far data dal 1^ gennaio 2008,sono raccolti   presso il Servizio Amministrazione del Personale e vanno inseriti  nella procedura di gestione delle delibere.  A titolo esemplificativo  saranno adottate Disposizioni per:
- gli atti di gestione degli orari di servizio ;
- la trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno in part-time;
- i nulla- osta  per le mobilità presso altri enti
- i nulla-sta per l’assunzione di incarichi esterni;
- gli atti di assunzione in servizio  di personale  (anche nei casi di mobilità);
- gli atti di proroga  di   contratti di lavoro a tempo determinato;
- la presa d’atto di dimissioni  del personale dal servizio;
- l’assegnazione del personale alle ripartizioni organizzative ;
- gli incarichi di responsabile dei  procedimenti, di servizio, di vice-dirigente;
- il riparto fondo   straordinario;
- le aspettative;
- i congedi;
- la liquidazione di  qualsiasi emolumento  accessorio al personale (ove necessari);
- i provvedimenti disciplinari;
- i piani di lavoro;
- l’assegnazione dei turni.ecc

CAPO IV
PERSONALE

Articolo 16
-Dotazione organica-

1. La dotazione organica del Comune è determinata annualmente dalla Giunta con estensione  al periodo di riferimento del bilancio pluriennale previa informazione alle OO.SS territorialmente competenti ed alle R.S.U.  La dotazione vigente al momento dell’adozione del presente regolamento è allegata sotto la lettera B)
2. La dotazione organica ha struttura tabellare. Per “struttura tabellare” si intende la determinazione dei contingenti di personale, distinto  per categoria e profilo professionale.
3. Con la delibera di approvazione della dotazione organica si   provvede anche a determinare:
a. il numero di posti a tempo parziale di nuova istituzione;
b.  i posti da trasformare da tempo pieno in part-time;
c. i posti da trasformare da part-time a tempo pieno.

Articolo 17
-Profili professionali-
1. Fino alla definizione dei nuovi i profili professionali sono quelli vigenti.

Articolo 18
- Piano di formazione annuale del personale-
1. Ai sensi dell’art. 4, Legge n°3 del 16/01/03, in materia di formazione del personale,  la giunta comunale su proposta della direzione generale ( ove nominata) e dei responsabili dei settori    entro il 31 marzo  di ogni anno approva  il piano di formazione del personale da trasmettere alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Funzione Pubblica e al Ministero dell’Economia e delle Finanze. Decorso un mese dalla comunicazione, qualora non intervenga alcun diniego, il piano entra in vigore.
2. Con il piano di formazione la giunta individua  i fabbisogni rilevati, le  competenze da acquisire, gli obiettivi, le risorse finanziarie, le metodologie formative.
3. Il piano di formazione di cui al comma 1 è definito  in sede di contrattazione decentrata integrativa.
 
Disposizioni finali
1. Sono abrogate tutte le disposizioni regolamentari incompatibili con il presente regolamento.
2. Il presente regolamento entra in vigore esperite le forme di pubblicità prescritte dallo statuto comunale.

Allegato B)
Procedimenti assegnati ai settori

Settore Affari Generali

Segreteria( redazione, archiviazione atti e regolamenti).
Assistenza organi istituzionali( sindaco, giunta, conferenza capigruppo, commissioni consiliari).
Assegnazione sale ed immobili comunali ( inclusi   impianti sportivi).
Contratti
Contenzioso legale, escluse cause codice della strada.
Notifiche.
Protocollo ed archivio.
Amministrazione personale e rapporti assimilati; relazioni  sindacali.
Urp , amministrazione sito web.
Centralino.
Riservatezza e trattamento dati  personali .
Iniziative culturali e ricreative.
Biblioteca.
Iniziative sportive e amministrazione impianti sportivi.

SETTORE ECONOMICO -  FINANZIARIO

Contabilità finanziaria e fiscale;
Controllo di  gestione;
Gestione rapporti con l’organo di revisione;
Programmazione economico finanziaria;
Certificazioni economico-finanziarie;
Inventario;
Assicurazioni
Servizio di tesoreria;
Statistiche economiche –finanziarie;
Contabilità economica, analitica e patrimoniale;
Commercio
Farmacia

Settore   Urbanistica-Edilizia Privata - LL.PP 

Pianificazione urbanistica generale e di settore (put, piano parcheggi ecc)
Sportello unico edilizia
Sportello unico attività produttive
Impianti pubblicitari: pianificazione
Trasporti  pubblici
 Tutela dell’ambiente
Servizio  espropri
Servizio idrico  
Pianificazione e gestione lavori pubblici
Manutenzione infrastrutture, immobili e impianti di proprietà pubblica compreso verde ;
Sistema informativo comunale
Servizi produttivi ( gas, rifiuti, servizio idrico)
 Amministrazione vigilanza e controllo contratti di servizio ( gas, rifiuti, servizio idrico)

Settore Entrate

Gestione delle imposte, tasse e canoni comunali inclusa  tariffa per il servizio di
smaltimento dei rifiuti urbani ;
Gestione contenzioso in materia tributaria ;
Servizi di riscossione coattiva delle entrate tributarie e patrimoniali e del recupero crediti;
Servizi di riscossione di imposte e tasse ed altre entrate comunali;
Amministrazione  contratti di servizio relativi alle concessioni di accertamento e riscossione di imposte e tasse
Amministrazione  alloggi edilizia residenziale ed altri  immobili  comunali individuati dalla giunta.
Catasto
Servizi demografici e statistici

Settore  Servizi alla Persona

Servizi per anziani, disabili, minori, famiglie.
Politiche giovanili.
Assistenza persone bisognose ed in stato di dipendenza.
Concessione contributi economici per finalità assistenziali.
Piano di zona.
Asilo nido.
Segretariato sociale.
Amministrazione rapporti con associazioni, istituzioni, comitati, o. n. l. u. s. operanti nel campo dell'assistenza, dell'integrazione e della promozione dei diritti umani

Settore  Polizia Locale
Polizia stradale( incluso PUT) e  relativo contenzioso
Polizia ambientale
Polizia edilizia
Polizia commerciale;
Mercato comunale;
Autorizzazioni occupazioni suolo
Polizia amministrativa
Servizi di ordine e sicurezza pubblica;
Licenze PS
Polizia giudiziaria
Protezione civile



w3c valid xhtml 1.0 w3c valid css valid Wai-A